Inizia le tue scommesse sportive con unibet o altri bookmakers

Avventura numero 31 -- Fiocco rosa... o quasi... --

Alle sei di mattina, mentre il sole faceva capoccella da dietro i palazzi del quartiere popolare che si estendeva grumoso sulla piana campestre attorno, Giovanni trovo' Francesco sul terrazzo dell'esclusiva clinica privata, gestita ovviamente da suore, dove aveva visto i natali la di lui primogenita.
Francesco, vestito di tutto punto manco fosse invitato ad un matrimonio - completo gessato grigio fumo di londra, scarpe church traforate a mano, cravatta regimental con nodo modello boing 747, camicia con colletto a triplo bottone su tre piani e polsini che si estendevano su per l'avambraccio fermati da due chicchere di Cartier - quasi non si accorse dell'arrivo dell'amico, immerso com'era in chissa' quali pensieri.
"Daje, frate', fumate na paja!" esordi' Giovanni, con il pacchetto di bionde da cui spuntava invitante il filtro di una Malboro 100s.
Francesco si riscosse parzialmente emergendo dal mondo immaginario in cui era precipitato, e con aria scocciata respinse l'offerta: "Ma che paja e paja, ce lo sai che nun ho mai fumato... sempre co' ste sigherette.. e nun fa' er porcile de cicche come er solito tuo, che qui er posto e' schicche e le sore se incazzeno.. e lo sai quanno se incazzeno le sore..."
"Iiiiiiiih, Gesugiuseppemariaerbuelasinellolapecoraelagnello, che sara' mai, pe' na cicca.... ma armeno, sta pupa, t'e' nata oppure se ne sta ancora al calduccio, eh!?!"

Francesco si sottrasse alla cortina fumogena che avvolgeva l'amico, e mestamente rispose: "E' nata, come no, e' nata ieri sera alle 7..."
"E daje! che ficata aho, mo' sei padre! Come ce se sente eh, come ce se sente... Daje, fumete na ciosba e ricconteme li pensieri piu' riconditi che ciai!" esplose festoso Giovanni.
"Innanzitutto sarebbe reconditi, non riconditi, mica so' facioli all'ucelletto, so' pensieri... e secondo poi, t'ho detto che nun fumo, nun ho mai fumato, figurete se cio' intenzione de comincia' adesso che a casa me vie' la pupa..."
"Eh vabbe' riconditi, sconditi.. come te pare... ma dimme come stai, che invece de fa' li sarti de gioia me pari come si te fusse morto er gattaccio... aho, ma nun e' che tu moje... la regazzina... oppercaritadeddiocheersignorecescampielliberidarpeccatosicuridaogniturbamento..."
"None, la madre e la fija stanno na' crema, dormeno tutt'e ddue..." lo tranquillizzo' Francesco, prima di cominciare a mostrare qualche crepa nel suo impenetrabile muro di riservatezza: "Loro stanno bene, te dico... e' er padre che... insomma.."
Giovanni si strinse all'amico con premurose attenzioni: "Ommannaggialipescettisenzaspinefantreettifantreettideverduraerdottoretelamisura, e che te senti? te gira un tantinello la capoccia? E' normale, si hai dormito poco, mo' lo sai che famo? Uscimo a pijasse un ber caffettino co' na bomba ar cioccolato, leggera e nutriente, e poi ce fumamo sopra na' bella sigheretta e vedrai...."
"E vedrai che me viene prima er cacarone e poi la broncopormonite, venissero a te, ar barista e a ste cazzo de sigherette.. none, nun cio' fame e nun vojo comincia' a fuma', vabbene..."
" Vabbene, vabbene, era un modo de di'.. ma che te pija, pare che te sei fumato un pacchetto de Camel senza filtro... nun te incazza' e' un modo de di' pure questo... insomma, invece de esse contento de sta regazzina, me pare che te rode er culo.."
"Nun me rode er culo... so' preoccupato... vedi' Giova'... e' da stamani che ce penso... ste regazzine de oggi... tutte a rifasse er naso pe' corpa de la cocaina..."
"Ossantoersignorediodelluniverso, cia' manco ventiquattr'ore sta regazzina e tu gia' pensi alla cocaina..."
"... lasseme fini' Giova'.... co' sti nasi rifatti, er culo rifatto, er seno rifatto... se imbucheno ne le discoteche dove fanno le selezzioni pe' fa' le Pupe e i Secchioni... poi mischiano er Pakistano cor Brandy... torneno a casa cor trucco che je cola...
Er giorno dopo a scola nun ce vanno.... se arzeno, magnano du' Muesli e aripartono pe' anna' chissaddove, armate de cellulari coi video girati in classe...."
"Fijo bello, er mondo e' un macello, ce lo so, ma santiddiochedallassucevedieceproteggi, crescera' sta regazzina, je darai l'educazzione mijore, ce impronterai er dialogo, la farai cresce dritta come un fuso..."
"si ma vedi, Giova', nun e' tanto tutto questo che me preoccupa.... so' le congiunture astrali..."
Giovanni cominciava a nun capirci piu' niente, per cui spense la sigaretta in un vaso di ortensie, senza pensarci ne accese subito un altra e per poco non cadde nella tentazione di offrirne una ancora a Francesco, che comunque ignoro' la mezza profferta, perso ormai nei suoi complicatissimi ragionamenti.
"Vedi Giova'.... ieri era l'anniversario de Paparelli... la Lazzio ha preso na scanizza assurda coll'Udinese.... io a fantacarcio so' stato arotato come un pedone in mezzo all'autostrada Roma Napoli alle tre de notte senza giacchetto giallo...."
"Embe'?!? Che cazzo centra questo co' tu fija?"
"Aspetta Giova'.... mettice pure che questa e' femminuccia, e nun cia' gnente de celeste intorno... tutto rosa, bianco, giallo, rosso..."
"Ariembe'? nun te seguo, France'... nun te seguo..."
"A Giova'... e si per caso me fosse nata na fija de la ROMA? Che me impara a di' "Totti" prima de "Babbo", che me se metta a ciuccia' er ditone davanti tutto er giorno... che me se metta a canta' " 'Oma 'Oma 'Oma " che obiettivamente "unaquilanercielo" e' piu' difficile... che mano mano che me cresce me riempie la stanzetta de foto de Cerci... che per compleanno me chiede er profumo Chanel... che me tappezza li davanzali e er pianale de la machina de millepiedi giallorossi... Oddio, Giova', che faccio si sta fija mia me viene della Roma, eh? Che faccio?"

Giovanni sbuffo' fuori un cerchio di fumo che gli avvolse la testa a mo' di aureola.
Poi, tiro' fuori il pacchetto di Marlboro, accese una sigaretta con il mozzicone di quella che stava ancora fumando, e fatti due tiri violenti per accertarsi che fosse accesa, la incastro' ben bene tra le labbra di Francesco.
Entrambi in silenzio si rivolsero verso la vallata, verso quel taglio di sole cosi' sfacciatamente accecante, cosi' arditamente giallo, e cosi' gagliardamente rosso, che fece loro male agli occhi.
E forse anche al cuore.

Dedicata alla nuova arrivata in casa C., Ilaria ... ma soprattutto, al di lei padre...

Avventura numero 30 -- Bamboccioni --






Jennifer torno' a casa che erano ormai le 8 di sera.
Dopo una estenuante maratona telefonica come operatrice outbound presso una societa' di telemarketing per la promozione di una nuova fantastica carta di debito internazionale, Jennifer desiderava soltanto mangiarsi un boccone per poi annichilirsi l'esistenza di fronte agli addominali di Coco sull'Isola dei Famosi.
Fu con sommo stupore prima e con massimo sgomento poi che, entrata nella sua cameretta ancora arredata con i mobili guarniti di api e orsacchiotti di quando era bambina, ma dalle pareti tempestate delle foto ose' di Ciavarro a torso nudo e Walter Nudo e basta, trovo' armadi e cassetti svuotati e un bel paio di Samsonite ad attenderla ai piedi del letto.

Ripresasi dal mezzo coccolone iniziale, decise di prendere il toro per le corna.

Toro che in questo caso aveva le sembianze di mamma Iole, marchigiana d'origine, casalinga per vocazione, juventina di nascita e la parannanza tatuata sulla tutona Robe di Kappa informe che indossava praticamente per 24 ore al giorno, tutti i giorni salvo la domenica e le feste comandate, quando una capatina in chiesa era d'obbligo.

Mamma Iole seguiva una nuova dieta strappata da un vecchio numero di Confidenze trafugato dal parrucchiere, ma evidentemente la fretta con cui aveva effettuato lo strappo aveva fatto si' che le grammature consigliate erano risultate monche di alcune delle cifre meno significative. Lei aveva comunque risolto a modo suo, aggiungendo zeri a destra a piacimento e secondo la propria inclinazione, ("tanto li zeri nun conteno gnente" soleva ripetersi), cosicche' i 50 grammi di pasta originali erano diventati senza batter ciglio 500, e analoga sorte era toccato ai grammi di pane, ai cucchiaini di olio, e cosi' via.
In ogni caso, Jennifer la trovo' a naso, intenta a scolare un mezzo chilo di rigatoni da ripassare in padella con la pajata ("leggerissima, nutriente e economica ma soprattutto tarmente bbona che coi rigatoni e' la morte sua", diceva sempre la madre).

"A ma', ma che succede, che ce risfrattano nantra vorta? no perche' mo' che c'eravamo sistemati tanto bene ne sto residence pe' abbusivi cosi' vicino alla metro, me ce roderebbe parecchio..."

Mamma Iole cerco' minuziosamente un angoletto della parannanza sufficientemente sgombro dall'untume generazionale per pulirsi le manone, preparo' le due generose porzioni di pasta, si sedette in tavola e comincio' a mangiare senza profferire verbo.

Jennifer era scombussolata forte, ma era stata educata a non interrompere mai la cena leggera della madre ("gia' me tocca sta a dieta, armeno fateme gusta' sti du' fili de pasta" era la frase che inibiva qualsiasi tentativo di stabilire uno straccio di comunicazione a tavola) per cui sedette e inizio' svogliatamente a giocherellare con il cibo.

Dopo aver ripulito il suo piatto, Iole guardo' la figlia con aria di disapprovazione, e senza batter ciglio si sottomise all'arduo destino di non veder andar sprecato tutto quel ben di Dio, per cui si sacrifico' spazzolando ben bene anche la porzione, praticamente intatta, di Jennifer.

Terminato il frettoloso ma pantagruelico pasto, Iole si accinse a dare la ferale notizia alla figlia...

"Jennina, nun ce sfratta nisuno. Sei tu che te ne vai..."

"Come me ne vado, mamma', ma che t'ho fatto... ce lo so che a casa nun t'aiuto tanto, ma tu lo vedi che razza de vita, tutto er giorno fori de casa pe' racimola' du' sordi, sempre coll'orecchio arintronato de parole gentili tipo 'lo sai ndo te la devi mette la carta de debbito?', quanno arivo a casa so' sfatta, ma'... si questa e' la questione, cerchero' de mijora', te lo prometto..."

Iole assunse un'aria comprensiva: "Core de mamma tua, a parte che so' anni che dici che mijori ma io ancora ariccorgo le mutanne tue ai piedi der lettino che nun te sei mai rifatta da sola... ma tu sei sempre mi fija e mamma tua te vole bene, e fino a che me mantengo in forma co' la dieta de Confidenze, aivoja a mutanne che posso raccoje... e' solo che ormai hanno fatto la legge e e' ora che te ne vai pe' conto tuo..."

"come hanno fatto la legge ma'? e che legge e', na legge che caccia la gente da casa e dall'affetti famijari senza motivo? E chi l'ha fatta, sta legge, Lotito che vole caccia' noi Irriducibbili dallo stadio?"

"None, gnente Lotito, quello sta a fa li sopralluoghi a Varmontone... E' er ministro Padoaschioppa che ha detto che a tutti sti regazzi che a 30 anni ancora stanno co' li genitori nun je fa bene continua' cosi', che resteno bamboccioni... allora vole elggifera' che ve da' 1000 euri all'anno se ve ne annate da casa e incominciate a favve la vita vostra invece de sta sempre intorcinati attorno alle gonne de mamma..."

Jennifer resto' per un attimo senza parole, poi inizio' a piangere sommessamente. Mamma Iole si alzo' dalla sedia, le si avvicino' e silenziosa le inizio' a carezzare il capo, come faceva da quando sua figlia era bambina: "Daje, Je', nun piagne, a me me dispiace che vai via e che resto sola, ma me dispiacerebbe de piu' che me diventi bambocciona..."

Jennifer ricaccio' indietro l'ultima lacrima, e con tutto l'orgoglio che aveva dentro replico': "A ma', ma che bambocciona, e' da quanno ho finito la terza media che lavoro da tutte le parti; ho fatto la barista, le pulizie, la babysitter, la bagarina allo stadio, er volantinaggio, la sciampista, la pedicure, er porta a porta... mo' cio' sto contratto a progetto pe' spigne ste cazzo de carte che gia' che se chiameno de debbito la gente scappa che de buffi ce ne ha a iosa.... ma tu hai capito che 1000 euri all'anno so' 90 euri ar mese che nun ce paghi manco er posto auto in garage? e a me ndo' me vorrebbe parcheggia', er ministro tuo, sotto ponte Duca D'Aosta che pure li' ce sta er racket de li polacchi che na' baracca de cartone a trovalla costa 200 euri ar mese? Fa na cosa, ma', dije a Padoaschioppa quello che me dicheno a me quanno li chiamo pe' spigneje la carta de debbito: che se la strisciasse in mezzo alle chiappe der culo..."
Travolta da cotanto sfogo, mamma Iole lascio' che la figlia si alzasse, sparecchiasse rapidamente la tavola e lavasse le stoviglie. Solo piu' tardi, mentre si coricava stancamente nel lettone a due piazze tristemente vuoto da tanti, troppi anni, si rese conto che era la prima volta che la figlia aveva fatto una faccenda domestica.
"Bambocciona de mamma...", penso'.
E si addormento' con sul volto dipinto un largo sorriso.

Video Avventure

Loading...
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.
Gli annunci pubblicitari sono a cura di agenzie indipendenti. Queste possono utilizzare dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.