Inizia le tue scommesse sportive con unibet o altri bookmakers

Avventura numero 21 -- Don Giuseppe --

Quando, a 5 minuti dalla fine, il numero nove della squadra allievi del Capodimonte allungo' la mano malandrina in area di rigore e, in un nugolo di gambe, trovo' lo spiraglio per assestare una manata di giustezza al pallone infilandolo alle spalle del portiere del Marta, squadra locale, si scateno' il putiferio.

Il giovane arbitro, il viso costellato da acne giovanile e fisico da derviscio, non fece in tempo a convalidare il gol platealmente irregolare che il guardialinee di destra, tale Enrico detto Faciolo, avente solitamente mansioni di portaspugne dei locali, armato di rudimentale bandierina gialla, gli si catapulto' addosso tempestandolo ritmicamente di colpi sul cranio, mentre il guardialinee di sinistra, scelto salomonicamente tra gli accompagnatori della squadra ospite, si precipitava contro l'anziano allenatore dei martani, e iniziava a picchiarlo all'unisono con il collega di fascia opposta.

Intanto, in campo, si era scatenata la caccia all'uomo, ovvero all'autore del vile gesto, che alla faccia delle regole di fairplay, si era messo pure ad esultare vergognosamente, nonche' ad ostentare apposito dito medio della mano destra al pubblico che gremiva, in quel torrido pomeriggio di meta' aprile, gli scaloni del piccolo stadio.

Il piu' esagitato di tutti era Antonello, centravanti talentuoso (si diceva avesse fatto anche dei provini con alcune grandi societa' professionistiche del Nord) che cercava di centrare tanto di collo pieno destro che di interno sinistro - il suo piede migliore - una qualsiasi porzione del corpo dello sfuggente avversario, mentre i propri compagni iniziavano un solerte corpo a corpo con tutti i capodimontani, titolari e riserve, che capitavano loro a tiro.

La gazzarra avveniva proprio sotto gli occhi esterrefatti di Don Giuseppe, detto anche Quartino per la sua arcinota propensione ad eccedere nell'uso del vino anche nella Messa delle 6 di mattina.

Il parroco, nel vedere tutti quei ragazzi che l'indomani avrebbero vestito le cotte da chierichetti darsele di santa ragione, perse il consueto spirito da Don Abbondio, e scesi a due a due i gradoni della tribunetta, si precipito' anch'egli in campo, e comincio' a dividere i vari contendenti ottenendo anche discreti risultati, un po' perche' nessuno credeva ai propri occhi nel vedere il mite prete dannarsi l'anima come un ossesso per separare i litiganti, un po' perche' l'aspersorio che egli brandiva faceva un male cane quando sapientemente calato sui giovani crani.

In pochi minuti, il caos cesso', e Don Giuseppe si ritrovo' dinanzi l'autore del misfatto, che aveva smessa l'aria malandrina e si osservava attentamente la punta degli scarpini mentre lo sguardo truce di Don Giuseppe lo trafiggeva da parte a parte.

"Figliolo, 'sto giro l'hai fatta grossa... confessa il tuo peccato, e te la cavi con 20 Avemmarie e 20 Paternostri, e non ce se pensa piu', va bene?" lo apostrofo' Quartino severamente.

"Don Giuse' ma io facevo come Maradona, la mano de Dio..."

"Nun te azzarda' a nomina' er nome de Iddio invano che senno' te faccio veni' a fa' er chierichetto tutte le domeniche per un anno intero..." lo minaccio' il prete mentre con un colpo ben assestato di aspersorio riduceva a piu' miti pretese l'ardone con cui Faciolo pareva essere intenzionato a rimettere in azione la bandierina.

"Ma Don Giuse', se l'arbitro e' cecato mica e' corpa mia, io so' er centravanti e devo da mette la palla drento...." balbetto' il complevole con aria sempre piu' contrita...

Il prete avvicino' la bocca all'orecchio del centravanti, e sibilo': "E tu vergognate de approfittatte de li menomati, nun lo vedi che er ragazzo e' un minorato, tu lo devi da aiuta', che poi la su regazza la confesso io, e ce lo so io quello che je combina... e' un poro disgrazziato, dije che er go' e' irregolare e finimo sta partita che poi cio' er vespero..."

Per quanto sussurrate, le parole di Don Giuseppe giunsero alle orecchie dell'imberbe arbitro, che a quel punto si avvicino' al prete e al contrito centravanti, e prese sommessamente la parola: "Don Giuse', scusate, ma io cecato non so' per gnente, e poi che dite davanti a tutti, che cio' le corna... ma dite davero, don Giuse'? "

Il prelato pose una mano sulla spalla del giovane direttore di gara, e gli sussurro' paternalmente:" Caro ragazzo, io non lo so se sei cecato, ma solo il nostro Padre che e' nei cieli puo' sapere come hai fatto a non vedere che er pallone era stato messo in rete con la mano malandrina... io piu' che de chiede che fa Samantha in questo momento, me prenoterei na' bella visita dall'oculista, che sinno' non solo non vedi i goal irregolari, ma nun te accorgi manco de quello che combina la tu' regazza... fai er bravo fijo, fischia punizione per la difesa, porta a termine sta partita, e poi vatte a fa' vede da no' specialista... er resto, se sistema..."

La partita Marta - Capodimonte, categoria allievi, riprese con una punizione per la squadra di casa, e arrivo' al 90' senza alcuna azione di rilievo, chiudendosi sullo 0-0. L'unica cosa che i cronisti appuntarono sul proprio taccuino, e' che l'arbitro misteriosamente aveva pianto a dirotto per tutti i cinque minuti finali.

Nessun commento:

Video Avventure

Loading...
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.
Gli annunci pubblicitari sono a cura di agenzie indipendenti. Queste possono utilizzare dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.