Inizia le tue scommesse sportive con unibet o altri bookmakers

Avventura numero 34 -- Giovani campioni --



Appiccicato come un geco alla rete divisoria, Arturo guardava sgambettare la squadra pulcini del paese nella partita settimanale contro i pari eta' del paese vicino, le nocche che si sbiancavano scosse da una contrazione inconvulsa ogniqualvolta il suo pupillo, nonche' figlio primogenito, Paolo Roberto, entava nel vivo del gioco.
Fu quando il giovane campione manco' un aggancio facilissimo che diversamente lo avrebbe visto presentarsi da solo davanti al portiere, che una voce alle spalle di Arturo tuono' indignata: "Ma 'nvedi che pippa aho, se te pija l'associazione pe' la protezione de le zanzare te fa' causa, che n'hai ammazzate 'no squadrone! Ah pipponaaaaaaa!"
Arturo trattenne un fremito e si giro' a squadrare Ermanno, ex lottatore professionista, canotta a rete nonostante il freddo pungente con su una lapalissiana scritta "Boia chi la molla" a guarnire l'ampio pettorale per poi appoggiarsi su addominali ormai definitivamente rilassati in un comomero fuori stagione interamente sporgente fuori dalla cinta dei pantaloni.
"Non le sembra di esagerare, la palla tutto sommato era troppo forte, non era un controllo facile..." fu il mesto tentativo di Arturo, al quale Ermanno replico' senza esitazione e senza evitare di sgrattugiarsi rumorosamente il sospensorio: "Ma che forte, forte 'sta ceppa, era un passaggio ar bacio che lo controllava pure un paralitico, ma sti regazzini je insegnano un po' de tecnica o no? perche' si in caso io er mio lo porto in colonia ar mare invece che ar campetto, armeno se ossiggena e me pja pure un po' de colorito..."
Arturo, nonostante il fisico da ministeriale lo mettesse chiaramente in soggezione di fronte al colosso di lardo che era il suo interlocutore, non si diede per vinto, anche perche' di mezzo ci andava il sangue del suo sangue: "Ma io penso che 'sti regazzini devono impara er pallone, ma anche artri valori, tipo er rispetto pe' l'avversario, l'amore pe' lo sport, er sape' vive assieme all'artri..."
"Ma che te devi da rispetta', ma lo hai visto che quello pare fracico, e' tutto 'na mossa, se atteggia tanto ma nun conclude gnente... sti regazzini deveno impara' a doma' er pallone, che er pallone e' come un cavallo servaggio che sinno' fa come je pare e te scorazza via che nun lo tieni... fatte servi', io da regazzino giocavo stopper nelle giovanili der San Godenzo... lo sai come se faceva chiama' l'allenatore nostro? eh? ce lo sai?"
"No, veramente non ne ho idea, ma il concetto..."
"Se faceva chiama Sbranacerbiatti, ecco come se faceva chiama'.. e all'allenamenti, si arivavo in ritardo, magara perche' mi' padre aveva fatto quarche minuto de straordinario, a mi padre lo pijava per culo davanti a tutti, je diceva che era un servo de la glebba, e a me me faceva core tutto vestito coi camperos, che alla fine me friggevano li piedi, e poi 100 flette nun me le levava nisuno!"
"Beh accidenti, mi pare un po' esagerato, capita a tutti di fare tardi..."
"E manco pe' gnente, co' Sbranacerbiatti tardi nun esisteva, tardi era morto, pe' lui... e lo sai che ce faceva fa, all'allenamenti? Ce metteva uno contro l'artro e ce dovevamo pija' a carci ne li stinchi, e si facevi finta, se n'accorgeva e a carci te ce pijava lui.. perche' se dovevamo impara' a prenne li carci e pure a dalli, che lui femminielli in campo nun ce li voleva... a me pero' me voleva bene, e me faceva sempre fa' una mezz'oretta in piu' pe' le lezzioni de massacro..."
"Lezioni di massacro?" interloqui' Arturo, ormai dimentico della partita che si svolgeva alle sue spalle.
"Sine, lezioni de massacro... je dovevo fa' na marcatura stretta, a omo, co' lui che sgomitava a tutta callara e me riempiva la panza e la faccia de botte che nu te dico, pero' nun me lo dovevo mai fa' scappa', sinno' se incazzava e incominciava a lavora' de ginocchia su le palle e de capocciate sur naso... me fece diventa' er piu' forte difensore de la categoria, e pure quanno facevamo le partitelle co' la prima squadra, er centravanti avversario se metteva a gioca' all'ala e hai da vede come girava al largo..."
"Capisco... comunque a questa eta' e' giusto che il calcio si viva piu' come uno svago, un divertimento.."
"E che tu te diverti a fatte pija' per culo da tutti? Io me ricordo che prima de le partite Sbanacerbiatti ce portava in ritiro drento a 'na specie de convento de clausura sconsacrato, ce toccava dormi' su li tavolacci e magna' solo cetrioli e banane... nun c'era permesso de cammina' co'le mano in saccoccia, dovevamo core pure quanno annavamo da la cammera da letto ar refettorio e quanno pisciavamo lo dovevamo fa' correndo sur posto... e senza sporca' la tavoletta.. diceva che dovevamo ave' er controllo totale pure ar cesso!"
"Ma non le pare esagerato? tutto sommato eravate ancora dei bambini, e certi metodi non si adottano manco coi grandi!"
"Sara' stato pure esaggerato, ma quell'anno vincemmo er campionato reggionale de categoria e parecchi de noi fecero pure arcuni provini colle giovanili de quarche clubbe prestigioso... io presempio, avevo fatto er provino co' la Juve, poi me s'e' crepato er ginocchio mentre me allenavo contro er muro pe' rinforza' la resistenza ar dolore, e ho dovuto lassa' perde... sinno' magara ar posto de Cuccureddu ce stavo io, e sta' tranquillo che Maradona nun ciarivava manco pe' turismo, a Napoli..."
"Accidenti, la Juventus..." sospiro' Arturo.
In quel momento, il triplice fischio finale interruppe la sfida giovanile e anche la conversazione tra Arturo e Ermanno.
Quando Paolo Roberto usci' dallo spogliatoio e vide il padre, sul volto gli si allargo' un fanciullesco sorriso, che subito si trasformo' in una smorfia di stupito dolore quando Arturo gli assesto' un sonoro calcio sugli stinchi.

3 commenti:

Caramon ha detto...

ciao!!!!
ti volevo avvisare che l'immagine del tuo banner non è + disponibile..dovresti riaggiornarla!!!
ciao e buona domenica!! :)

francescomisc ha detto...

Buon Natale e felice 2008...nerazzurro
ciao francescomisc
www.interclubacquaviva.blogspot.com

CresceNet ha detto...

Gostei muito desse post e seu blog é muito interessante, vou passar por aqui sempre =) Depois dá uma passada lá no meu site, que é sobre o CresceNet, espero que goste. O endereço dele é http://www.provedorcrescenet.com . Um abraço.

Video Avventure

Loading...
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.
Gli annunci pubblicitari sono a cura di agenzie indipendenti. Queste possono utilizzare dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.