Inizia le tue scommesse sportive con unibet o altri bookmakers

Avventura numero 35 --Navigazioni notturne... --


Alle 2 e 40 di notte, Ersilia si sveglio' causa minzione notturna, e non trovando Filippo al suo fianco, si infilo' le ciabattone con la capoccia di Topolino, inforco' le lenti da talpa e ciabattando segui' il lucore proveniente dal salotto.
Trovo' Filippo davanti al computer, gli occhi cipicciosi incollati allo schermo e intento a pestare i tasti con la mano destra come un dannato e a ravanare nel torbido con la mano sinistra con altrettanto vigore.
"Ma che stai a fa' in piedi a quest'ora? Ma nun devi anna' al lavoro domani? Me pari matto, stai sempre appiccicato a quell'affare, pe' me tu sei malato, ciai quarche morbo strano..."
Filippo riusci' a malapena a emettere un grugnito e senza darsi per vinto continuo' a tempestare la tastiera di colpi, anche se comincio' a rimuovere lentamente la mano sinistra dal luogo del peccato, cenrcando di non farsene accorgere.
Ersilia chiaramente se ne accorse eccome, ma per il momento decise di soprassedere e si diresse al bagno. Espletate le funzioni corporali, si rimise a letto, ma non aveva nemmeno posato gli occhiali sul comodino che le parve di udire una sorta di lamento sommesso provenire dal salone.
A quel punto, il sonno le passo' del tutto, si alzo' dal letto e come una furia si ripresento' in salone, dove la scena non era cambiata nemmeno di un fotogramma.
"Ma se po' sape' che ciavrai tanto da smanetta' li' davanti? Ma nun lo vedi che pari matto? Ma io domani disdico tutto, chiamo er 187 e je dico che st'ADSL ce la deveno da leva', che costa una tombola e tu te c'ammali, nun dormi piu', nun parli piu', nun vedi manco piu' le partite in televisione, sempre li' davanti che poi me chiedo 'ndo cazzo hai imparato a usa' quell'aggeggio che tre mesi fa nun sapevi usa' manco la carcolatrice e facevi li conti col lapis sul blocco note..."
La minaccia di Ersilia lentamente penetro' nella mente obnubilata di Filippo, che elaboro' con estrema difficolta' il concetto, lo tradusse in un elementare segnale di pericolo, e si vide costretto a sospendere l'attivita' in corso e a dare retta alla belluina figura in palandrana e ciavatte che aveva sposato, allora in lingerie francese e piedino nudo, 20 anni prima.
"Amo', nun scambia' la causa coll'effetto... nun e' che io non dormo pe' sta qui de fronte, e' che sto qui de fronte perche' nun dormo... si me levi l'ADSL, me lo dici te che me invento io la notte alle 3 che nun posso manco accenne la televisione pe' nun svejatte?"
"A Fili', ma prima dormivi eccome, la domenica te arzavi all'ora de pranzo, magnavi le lasagne de mi' madre e te ribbuttavi sul letto fino all'ora de le partite... adesso invece te trovo qui de fronte a tutte le ore der giorno e de la notte, pure la sera de Natale ciavevi sto callaretto acceso, io me sto' a preoccupa', ma che ce farai davanti a sto coso, almeno, se po' sape'?"
"Amo', ma che voi che faccio, gnente, navigo, me industrio, leggo, me informo..." fu il tentativo disperato di Filippo di dare una versione credibile dei fatti alla moglie, che non ci credette nemmeno per un minuto e torno' ad incalzarlo: "Aho, io non ho mai visto uno che studia co' le mano drento a le mutanne, manco tu' fijo quanno faceva finta de studia' estimo e invece sotto ar libbro nisconneva li giornaletti zozzi, ma nun sara' mica che stai a vede le zozzerie in rete... oddio, mica me sarai diventato PETOMANE, vero?" grido' inorridita la consorte.
"PEDOFILO, no PETOMANE, a Ersi', e none, nun so' pedofilo, davero, sta tranquilla... la mano ne le mutanne me c'e' finita pe' sbajo, una specie de fraterno saluto ar regazzino, lo sai che noi omini ciavemo un rapporto speciale cor fringuello, ce parlamo, lo consolamo, je tenemo compagnia..."
"Essi' che ciavemo er gruppo de supporto ucelli, qui drento... tu te stavi a DISTURBA', ecco che stavi a fa'.. a l'eta tua, ma nun te vergogni, ma nun te l'hanno detto che e' peccato e che se diventa pure cecati..."
Filippo perse la pazienza, e replico' seccamente: "Allora tu che hai fatto fino ad esso, che ciai du' fanali antinebbia? A Ersi' ma che disturbato e disturbato, stavo a tene' in caldo er gattino, nun ce stava nisuna volonta' de fa' gnente de male, che poi male manco sarebbe, co' st'astinenza prolungata alla fin fine mica me vorai di' che ce devo schiaccia' le noci... nonostante tutto, nun stavo a fa' gnente, va'a dormi' e beata a te che riesci a fatte tutta na tirata de 8 ore..."
Ersilia, offesa dall'accusa di indulgere in opere impure, attraverso' la sala con passo furibondo, e quando fu davanti allo schermo, si ritrovo' davanti una foto gigantesca di Jenna Jameson che allenava una intera squadra di basket. Subito si porto' la mano davanti agli occhi, e lancio' un grido disumano:"Aaaaaaaaaah, lo vedi, brutto pipparolo, stavi a vede le cose zozze, che schifo gesugiuseppeemmaria, nun e' possibbile, ossignorecheseineicieli, ommadonninamiabella..."
"Nun strilla' Ersi', ch'e i Gervasoni qui de fronte penseno male, e chiameno la polizzia.... e poi che voi che sia, io me stavo a informa' sulle nuove tendenze der cinema, sui nuovi fenomeni culturali, sull'impatto della pornografia sulla societa' contemporanea... guarda Ersi, guarda che robba.... bottije, banane, estintori..." la voce di Filippo, sussurrata e suadente, convinse Ersilia ad allargare leggermente le dita della mano che le copriva gli occhi, sbirciando di soppiatto la galleria di porcate che il marito le propinava.... mano mano che le immagini scorrevano, senti' un certo languorino partirle dal baricentro del mutandone, e riscaldarla tutta.... Riluttante, si sedette sulle ginocchia di Filippo, che la guardava invitante, gli si strinse addosso e mentre lui furtivo le scostava i lembi della vestaglia, prese il mouse in mano e per la prima volta, in tanti anni, fece un doppio, lascivo click....

1 commento:

Caramon ha detto...

ciaooo!! Scusa la mia assenza ma sono finalmente ritornato!! Purtroppo in qsti mesi sn stato assorbito dallo studio ma ora sn ritornato ;)
spero di risentirci presto!
ciao un saluto!

Video Avventure

Loading...
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.
Gli annunci pubblicitari sono a cura di agenzie indipendenti. Queste possono utilizzare dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.