Inizia le tue scommesse sportive con unibet o altri bookmakers

Avventura numero 29 -- Transumanza --


"Coccige, cumpa' che brutta cera che ciai!"
Sisto alzo' gli occhi dal boccale di birra mezzo vuoto e fisso' per un attimo Ubaldo senza quasi vederlo. Il locale, pomposamente chiamato "La Vacca Stracca" aveva la pretesa austerta' di un fumoso pub irlandese, anche se i poster della Ferilli colla maglietta di Totti rivelavano senza dubbio alcuno che ci si trovava in piena campagna Feroniana, alle porte di Roma.
Alle 9 di mattina, il posto brulicava di albanesi e rumeni intenti nel loro breakfast a base di birra e panini con la pancetta arrotolata, e di qualche avventore locale che in barba alle correnti normative antifumo nei locali pubblici, si ristorava i polmoni con una bella nazionale senza filtro.
"Coccige, cumpa, che ce fai qui a st'ora... nun ciavevi da da' l'acqua ramata all'ulive?"

Finalmente Sisto mise stancamente a fuoco Ubaldo, prima di riposizionare gli occhi acquosi all'interno del boccale di birra, dentro al quale rituffo' il naso e dal quale riemerse solo quando nello stesso non era rimasto che un leggero velo di schiuma.

Sisto si puli' egregiamente il barbozzo con la manica della giacca stazzonata, e replico' stancamente al suo interlocutore, che intanto aveva ordinato il drink della casa, "Lu Bicchiere 'nfocato", strano miscuglio di birra, ginger, aperol e peperoncino: "A Uba', oggi lasseme perde che nun c'e' trippa pe' gatti... mo' se te piace se scolamo na birozza in santa pace, senza parla' de campagna, de bestie, de lavoro, e poi scappo che devo d'anna' a fa' un sopralluogo a Varmontone.."

"Ihhhhh, cumpa', e che t'e' successo mai... t'hanno licenziato da lu lavuru? Nun te preoccupa', che pe' i mezzi parendi c'e' sempre posto nell'azzienna de famija, pe' fortuna li cristiani crepano sempre e un bon cassamortaro ce fa sempre commodo... puro si tu' sei muratore, er mestiere te lo 'mpari facile, e tutto se risorve.... come dice er motto de famija "Mori che ridi che si piagni tanto mori uguale!"

"None, ma che licenziato e licenziato... magara lu padrone me licenziasse, che de sto lavoro che pare che se pijamo io nun vorrebbi sape' gnende..."
"Ma perche', che lavoro ha preso issu? La costruzzione de lu novu cambusanto dietro a le Ferciare?"
"Aho, ma tu sembre a li morti pensi... magara, fusse lu campusantu, magara... e' molto peggio, molto, molto peggio..."

Ubaldo a questo punto era davvero incuriosito, cosi' ordino' pure un boccale di birra per il suo triste amico (peraltro mezzo parente, perche' nipote della sorella della cognata della moje), e torno' all'attacco:" Mo' peggiu de lu campusantu a le Ferciare... coccige, cumpa', e che sara' mai, un'antra aggenzia de cassamortari? Nun me di' che ne costruiscono n'antra, che co sta concorrenza ormai li morti tocca accaparrasseli da vivi... penza che io vojo fa' una promozione speciale: la cassa da morto in nuda proprieta'... si la compri oggi, la paghi meno de quanno sei morto, e piu' sei giovane e meno la paghi..."

Sisto trangugio' la birra quasi per intero, sollevo' gil occhi ormai arrosati con aria irosa, e sbotto': " ma che gnuda proprieta' e camposanti e pompe funebri... e' no stadio, pare', e' no' stadio novo novo".
"Fresca, lo stadio... e che ce deveno da fa' a Varmontone co' lo stadio novo... nun giocano in Promozzione? Ciavranno si e no' ducento sciamannati pe' vede le partite de lu Valmontone.."

"E 'nfatti nun e' pe lu Valmontone, lu stadio... ma nun li leggi li giornali, pare'? E' pe' la Lazzio..."
Una boccata di acido, solo in parte dovuta a "Lu Bicchiere 'nfocato", roteo' votricosamente lungo la laringe di ubaldo, che non credeva alle proprie orecchie: "La Lazzio? Ma tu dichi popo la Lazzio quella de la serie A, quella che gioca la Coppa de li Cambioni, quella de Chinaglia Maestrelli Piola Gascoigne Nedved Casiraghi Peruzzi Pandev Rocchi Oddo Nesta RubenSosa ErCileno Reccecconi Wilson Pulici..."
..." e di tutti li mejo mortacci che porti a lu campusantu, sine, la Lazzio, popo la Lazzio, a Uba'... pare che Lotito ce vo' costrui' lu stadio novo a Varmontone, e siccome lu padrone mio ce sta ammanicato che lo conosce tramite quello de RadioRadio, inzomma dovemo anna' a fa' nu sopralluogo vicino a lu casello dell'autostrada, indove fanno li fochi d'artificio.."

"Coccige, cumpa', ma questa e' na notizzia bomba... ma te pare che se fanno le partite de la Lazzio a Valmontone, quanti sordi gireno da quelle parti..."

A sentire il pragmatismo dell'amico, Sisto esplose: "Sordi? E tu davanti a cent'anni e piu' de gloriosa storia lazziale me parli de sordi? E quanno ce pijera' per culo tutto lo stivale perche' semo annati a gioca' indove pascemo le pecore, che fai conti i sordi? Ma te renni conto che figura demmerda a livello internazzionale, le risate de li cuggini che invece der gajardetto ce chiederanno na forma de cacio, che 'nvece de esse quotati alla borza de Milano ce quoteranno ar Varmontone Outlette, e quanno andremo in trasferta ce diranno che famo la transumanza... tu si' peggio de issu, de stu cazzu de Lotito che ce vo' fa' diventa' burini pure si ner sangue semo de nobbili origgini.. e me ne frego si lu padrone mio costruisce lu stadio a Varmontone e si anche ce stesse da guadambia' na fortuna, io l'onore de la Lazzio mia nun ce la scambierei manco pe' tutto l'oro der monno".
Sbattendo il bicchiere sul tavolo, Sisto si alzo di scatto e lascio' il locale sotto lo sguardo ignaro di quasi tutti i presenti, che in quanto tutti extracomunitari, non avevano capito nulla del suo sproloquio.
Ubaldo fini' con calma il suo drink, ne ordino' un altro, poi tiro' fuori un bloc notes e un mozzicone di matita, e comincio' a fare improbabili calcoli su quanto gli avrebbe reso trasferire la sua ditta di lapidi e casse da morto in prossimita' del nuovo stadio biancoceleste, dove era certo avrebbe avuto un ritorno economico fantastico. Gli venne in mente pure una nuova promozione: chi avesse comprato una cassa "Forza Lazio", avrebbe ricevuto in omaggio l'abbonamento alla Curva Nord. A vita.

Nessun commento:

Video Avventure

Loading...
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.
Gli annunci pubblicitari sono a cura di agenzie indipendenti. Queste possono utilizzare dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.